Diventare pilota di aereo nel periodo di pandemia

Quella che il settore del trasporto aereo ha vissuto nella sua storia più recente, e che tutt’oggi è ancora in corso, se pur con segnali di ripresa, è stata probabilmente la crisi economica in assoluto più marcata.

L’emergenza sanitaria che ha riguardato praticamente tutto il mondo, con tutte le limitazioni che ne sono derivate, ha comportato una fase di stallo per il settore aereo che non ha davvero precedenti.

Chi stava valutando la possibilità di diventare un pilota, probabilmente in questo periodo si sarà fermato un istante a riflettere, chiedendosi se non sia il caso di orientarsi verso tutt’altro genere di lavori; il percorso che porta a divenire piloti è sicuramente impegnativo, ecco perché questa decisione merita di essere soppesata in maniera adeguata.

La ripresa del settore aereo dopo la pandemia

Se da un lato, tuttavia, è assolutamente vero che il settore del trasporto aereo stia vivendo una crisi che non ha precedenti, è anche vero che non c’è alcun dubbio sul fatto che tale crisi verrà superata: quando l’emergenza sanitaria sarà alle spalle, e in tal senso la diffusione dei vaccini anti-Covid dovrebbe essere decisiva, i collegamenti aerei torneranno a regime, probabilmente in modo ancora più intenso rispetto alla fase pre-pandemia.

Sicuramente la ripresa del settore richiederà dei tempi fisiologici: già nel 2021 si registrano degli incoraggianti “segni +”, ma la ripresa totale dovrebbe verificarsi attorno al 2024.

Alla luce di questo, pensare di divenire un pilota di aerei potrebbe essere senz’altro una buona idea, anzi questo periodo potrebbe essere addirittura quello ideale.

Il momento ideale per ottenere la licenza di pilota di aerei

Secondo molti esperti l’enorme crisi del settore, che, come detto, sarà superata con assoluta certezza, implicherà per le compagnie aeree una grossa difficoltà nell’individuare dei piloti, e le ragioni per cui si ritiene questo sono molte.

Durante la fase pandemica, infatti, molti aspiranti piloti avranno comprensibilmente scelto di aspettare per intraprendere un percorso formativo specifico, piloti che avevano appena conseguito il brevetto, invece, potrebbero essersi orientati verso altre prospettive professionali, stesso dicasi per quei piloti che hanno perduto il lavoro e che, allo stesso modo, potrebbero aver scelto altre strade per il loro futuro.

La domanda di nuovi piloti negli anni a venire, dunque, dovrebbe essere davvero enorme: solo nel 2021, infatti, le compagnie aeree dovrebbero assumere 27.000 nuovi piloti, cifra che verosimilmente crescerà negli anni successivi.

Sebbene questa sia una fase molto particolare per il mondo del trasporto aereo, dunque, tale periodo potrebbe essere davvero perfetto per chi sta pensando di intraprendere questa strada: trovare un impiego come pilota nei prossimi anni, come visto, potrebbe essere semplice a dir poco.

La nostra Scuola di volo è tra le migliori: prima in Italia ad avere ottenuto la certificazione per la valutazione delle competenze degli allievi piloti, in gergo AREA 100 KSA (Knowledge, Skills and Attitudes), possiamo contare anche sulla collaborazione con la compagnia aerea Air Dolomiti (del gruppo Lufthansa) nel progetto academy per l’addestramento dei cadetti.

Scegli il tuo corso e diventa pilota.