Obiettivo crescita quota di donne pilota di aereo

La scarsa presenza di donne tra i piloti d’aereo è un argomento di cui si sta parlando sempre più spesso e Willie Walsh, Direttore Generale di IATA, International Air Transport Association, con un lungo passato da pilota, ritiene che in questo ruolo i due sessi dovrebbero arrivare ad essere rappresentati in egual percentuali.

I numeri, in effetti, lasciano poco spazio a dubbi: secondo le statistiche fornite da International Society of Women Airline Pilots, infatti, nel mondo le donne pilota sarebbero 7.409, cifra corrispondente ad appena il 5% del totale.

Settore del trasporto aereo e pandemia: un’occasione

Quello in corso, peraltro, è un periodo molto particolare per il mondo del trasporto aereo: la storica crisi che ha investito il settore, dovuta all’emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo, dovrebbe essere superata in modo netto già nei prossimi anni e il timore che le compagnie abbiano difficoltà a trovare dei piloti è ritenuto da più parti molto concreto.

Da un lato, infatti, durante questo periodo così particolare, è probabile che molti aspiranti piloti abbiano scelto di attendere prima di iniziare un percorso di formazione, al contempo chi aveva ottenuto il brevetto poco prima della pandemia potrebbe essersi orientato verso tutt’altro tipo di lavori per via della situazione di stallo pressoché totale di questo settore.

Anche alla luce di questo, dunque, Willie Walsh consiglia vivamente anche alle donne di valutare questa possibilità; diventare pilota comporta sicuramente sacrifici e impegno, e anche la vita professionale non è delle più semplici, tuttavia le soddisfazioni che questo lavoro sa donare sono uniche nel loro genere.

Le donne pilota di aereo in Italia

La situazione italiana relativa alla presenza di donne in questo particolare ruolo è in linea con quella internazionale: Alitalia, ad esempio, conta attualmente 42 donne tra i 1.400 piloti del suo team.

Una curiosità: prima donna italiana a pilotare un aereo, la quale fu verosimilmente anche una delle prime a livello mondiale, è stata Fiorenza De Bernardi, nata nel 1928 e figlia di Mario De Bernardi, aviatore e colonnello dell’Aeronautica a cui è oggi intitolato l’aeroporto di Pratica di Mare.

Non resta che attendere, dunque, per scoprire se negli anni a venire crescerà il numero di donne che decideranno di intraprendere questa carriera, e dunque se le percentuali dei due sessi relative a questo particolare ruolo diverranno più equilibrate.