Red Bull Air Race: gareggerà per la prima volta un italiano

Un italiano alla Red Bull Air Race

La Red Bull Air Race, una competizione aerea particolarmente impegnativa e unica nel suo genere, si arricchisce di due nuovi piloti per quel che riguarda la Challenger Class 2018.

I piloti in questione sono il sudafricano Patrick Davison e l’italiano Dario Costa, e rappresentano i primi esponenti dei relativi paesi in questa competizione.

Dario Costa è un grande appassionato di volo fin dai primi anni di vita, e all’età di 16 anni ha compiuto il suo primo volo.

Diplomato presso la scuola superiore di aviazione, Dario ha avuto diverse esperienze lavorative, molte delle quali connesse con il mondo dell’aeronautica.

Il suo approccio con il mondo della Red Bull Air Race ebbe inizio nel 2003, e scelse da subito di focalizzarsi sul volo acrobatico, considerandolo molto accattivante.

Dopo aver acquisito piena padronanza con questo tipo di volo si è dedicato al relativo insegnamento: dal 2008 al 2013, infatti, Dario Costa è stato il più giovane istruttore di volo acrobatico in Italia.

Una tappa molto importante della carriera di Costa corrisponde inoltre al 2016, quando è divenuto il primo italiano a conseguire la Red Bull Air Race Super Licenze, necessaria per poter divenire ufficialmente un pilota di tale disciplina.

Dopo essere entrato, nel 2017, a far parte del team di piloti The Flying Bulls, si appresta ora a divenire il primo italiano a gareggiare nella Red Bull Air Race.

Ad oggi la Red Bull Air Race conta circa 80 gare in tutto il mondo, ed è una competizione ufficialmente riconosciuta dalla FèDèration Aèronautique Internazionale (FAI).

La Red Bull Air Race prevede che i piloti si sfidino a bassa quota attraversando dei piloni gonfiati ad aria dall’altezza di 25 metri.