Nuova compagnia aerea statunitense

La giovanissima compagnia aerea statunitense Breeze Airways, il cui CEO è David Neelemann, già fondatore di JetBlue, inizia ad essere operativa.

I primi voli targati Breeze Airways sono decollati alla fine di maggio, con varie destinazioni, e tutto lascia immaginare che l’offerta di questa “neonata” non tarderà a svilupparsi.

La flotta di Breeze Airways

La compagnia ha scelto di dotarsi, inizialmente, di 13 velivoli Embraer: i velivoli saranno acquisiti in leasing nel corso dell’estate ed entro la fine dell’anno la flotta dovrebbe ampliarsi ulteriormente.

Nello specifico, Breeze Airways si doterà di 3 aerei E195 e di 10 jet E190, e sono proprio quest’ultimi a catalizzare l’attenzione, essendo reputati assai innovativi.

La preferenza per i jet E190 di Embraer

Embraer, noto produttore brasiliano, ha sottolineato come David Neelemann abbia scelto i jets E190 per entrambe le compagnie di cui è a capo, segno evidente del fatto che si tratta di velivoli dalle ottime caratteristiche e in grado di offrire un’esperienza di volo molto piacevole e confortevole.

Delle conferme assolutamente nette giungono proprio dalle dichiarazioni di Neelemann, il quale definisce questi velivoli “fenomenali”, essendo in grado di soddisfare le esigenze delle compagnie all’insegna della massima flessibilità.

In particolare, Neelemann indica come caratteristica particolarmente interessante l’assenza di posti centrali, una novità non da poco per quel che riguarda i voli di linea.

I jet E190 possono ospitare fino a 108 passeggeri, mentre i loro “cugini”, ovvero gli aerei E195, toccano quota 118 passeggeri.