Elenco articoli della categoria Notizie dal mondo


Frecce Tricolori: presentato il calendario delle esibizioni 2018

Quello delle Frecce Tricolori è uno spettacolo eccezionale, unico nel suo genere, il quale affascina tantissimo gli appassionati di aeronautica ma sa lasciare a bocca aperta anche chi non ha una specifica passione per questo mondo.

La stagione acrobatica 2018 delle Frecce Tricolori sta per iniziare, e vedrà esibirsi dieci MB-339 della Pattuglia Acrobatica Nazionale in diverse località italiane, da Nord a Sud.

L’Aeronautica Militare ha reso noto il calendario degli appuntamenti in occasione di cui sarà possibile ammirare queste straordinarie performance aeree.

Gli appuntamenti avranno inizio il 28 aprile 2018 con il sorvolo del Golfo di Sorrento, in concomitanza del convegno ALIS, e si concluderanno a Trieste il 14 ottobre del medesimo anno, in concomitanza della Partenza della regata Barcolana.

Da aprile ad ottobre, sono previste esattamente 25 esibizioni.

Gli assetti del 32° Stormo di Amendola sono ufficialmente attivi per la difesa nazionale

A partire dal 1 marzo 2018 gli assetti del 32° Stormo di Amendola entrano a far parte del Dispositivo di Difesa Aerea Nazionale, essendo stati collocati a pieno titolo nel Servizio di Sorveglianza dello Spazio Aereo.

L’addestramento degli equipaggi e del personale tecnico è stato molto consistente, e questa nuova prerogativa andrà dunque ad arricchire il sistema di difesa nazionale.

Il sistema d’arma è concepito per adempiere in maniera ottimale alle operazioni aeree più disparate, e non vi è dubbio sul fatto che contribuirà a rendere il paese molto più sicuro.

Va peraltro sottolineato che il 32° Stormo di Amendola è il primo reparto aereo europeo che utilizza velivoli JSF.

Meridiana diventa Air Italy e presenta il suo nuovo corso

La compagnia Meridiana ha scelto di puntare sullo scalo di Malpensa, il quale sarà il fulcro dei suoi voli, nonché sulla compagnia Air Italy.

Air Italy è una compagnia rimasta piuttosto in ombra negli ultimi anni, ma con questa novità potrebbe veder crescere in modo notevole la sua importanza, anche in considerazione che Meridiana acquisirà appunto il brand Air Italy.

In questa ventata di innovazione in casa Meridiana ha sicuramente un ruolo importante la presenza di Akbar Al Baker, nuovo azionista di maggioranza e già CEO di Qatar Airways.

In occasione di una conferenza stampa che ha visto protagonisti non solo Al Baker, ma anche Francesco Violante, presidente di Meridiana, la compagnia ha presentato il suo nuovo corso.

Il progetto societario prevede il lancio di 50 aerei entro il 2020, tra cui velivoli molto interessanti quali i Boeing 737 Max 8 e gli Airbus 330-220, grazie ai quali si potranno servire ben 10 milioni di passeggeri.

Questi investimenti potranno garantire anche dei nuovi posti di lavoro, a tal riguardo è interessante sottolineare che Al Baker ha parlato della previsione di 1.500 assunzioni, e lo scalo di Malpensa rimarrà protagonista assoluto: dei 10 milioni di passeggeri che si prevede di movimentare, ben 8 riguarderanno l’aeroporto milanese.

Tra le tratte internazionali più interessanti figurano quelle per New York, Miami e Bangkok, quanto ai voli nazionali si possono invece citare i collegamenti da Milano a Roma, Catania, Napoli, Palermo e Lamezia Terme.

Red Bull Air Race: gareggerà per la prima volta un italiano

La Red Bull Air Race, una competizione aerea particolarmente impegnativa e unica nel suo genere, si arricchisce di due nuovi piloti per quel che riguarda la Challenger Class 2018.

I piloti in questione sono il sudafricano Patrick Davison e l’italiano Dario Costa, e rappresentano i primi esponenti dei relativi paesi in questa competizione.

Dario Costa è un grande appassionato di volo fin dai primi anni di vita, e all’età di 16 anni ha compiuto il suo primo volo.

Diplomato presso la scuola superiore di aviazione, Dario ha avuto diverse esperienze lavorative, molte delle quali connesse con il mondo dell’aeronautica.

Il suo approccio con il mondo della Red Bull Air Race ebbe inizio nel 2003, e scelse da subito di focalizzarsi sul volo acrobatico, considerandolo molto accattivante.

Dopo aver acquisito piena padronanza con questo tipo di volo si è dedicato al relativo insegnamento: dal 2008 al 2013, infatti, Dario Costa è stato il più giovane istruttore di volo acrobatico in Italia.

Una tappa molto importante della carriera di Costa corrisponde inoltre al 2016, quando è divenuto il primo italiano a conseguire la Red Bull Air Race Super Licenze, necessaria per poter divenire ufficialmente un pilota di tale disciplina.

Dopo essere entrato, nel 2017, a far parte del team di piloti The Flying Bulls, si appresta ora a divenire il primo italiano a gareggiare nella Red Bull Air Race.

Ad oggi la Red Bull Air Race conta circa 80 gare in tutto il mondo, ed è una competizione ufficialmente riconosciuta dalla FèDèration Aèronautique Internazionale (FAI).

La Red Bull Air Race prevede che i piloti si sfidino a bassa quota attraversando dei piloni gonfiati ad aria dall’altezza di 25 metri.

L’Università di Roma Tor Vergata ed ENAC organizzano un master dedicato ai droni

Si terrà a Roma, presso l’Università di Tor Vergata, un nuovo master dedicato alla progettazione, all’applicazione e alla regolamentazione dei droni.

Questo percorso formativo, organizzato dall’ateneo capitolino in collaborazione con ENAC, formerà una classe di specialisti del settore dalle competenze estremamente approfondite, e questo master rappresenta un’assoluta novità.

Il master in questione prende il nome di PARS, Progettazione, Applicazione, Regolamentazione dei Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto, e consente agli allievi di acquisire una competenza estremamente approfondita circa le normative aeronautiche e di sicurezza che riguardano, appunto, l’utilizzo dei cosiddetti SAPR.

Durante il corso verranno approfonditi svariati argomenti, quali ad esempio la propulsione, il pilotaggio assistito effettuato tramite computer, l’aerodinamica, l’automazione e il controllo dei SAPR.

Il taglio del master non è puramente teorico, ma prevede anche numerose esercitazioni pratiche.

Il master ha durata annuale, pari a 1.500 ore complessive, e consente agli studenti di acquisire 60 crediti formativi.

Nel caso in cui lo studente universitario abbia questo tipo di necessità, gli è possibile distribuire la frequenza nell’arco di due o tre anni accademici.

400 ore verranno dedicate a laboratori e lezioni frontali, 250 ore saranno dedicate al tirocinio formativo, mentre le restanti 850 corrisponderanno allo studio individuale e allo sviluppo del lavoro di tesi.

La compagnia Neos inaugura il suo Boieng 787 Dreamliner

La compagnia Neos, la quale è di base a Malpensa, ha inaugurato il suo aereo Boieng 787 Dreamliner.

Grazie ad un accordo con AerCap, Neos è oggi il primo operatore a disporre del Boeing 787 Dreamliner, un aereo di linea davvero molto interessante.

Questa proposta targata Boeing è un aereo a doppio corridoio, e si tratta dell’aereo venduto più velocemente della storia per quel che riguarda i modelli con questo tipo di caratteristica.

Carlo Stradiotti, amministratore delegato di Neos SpA, ha sottolineato come la consegna di quest’aereo sia emblematica dell’importante processo di crescita di cui la compagnia sta rendendosi protagonista.

Ad oggi, è interessante sottolineare il fatto che Neos offre numerosi voli internazionali molto interessanti, come quelli dedicati alla Cina, all’Estremo Oriente, all’Asia e all’Africa.

Stradiotti ha peraltro sottolineato che nei prossimi anni è previsto l’ingresso nella flotta Neos di altri Boeing 787.

La consegna di nuovi velivoli, peraltro, è imminente: due ulteriori aerei del medesimo modello dovrebbero essere consegnati a Neos entro il prossimo anno.

Un nuovo centro di simulazione volo nascerà a Malpensa

Nascerà presso l’aeroporto di Milano Malpensa un innovativo centro simulatori di volo, grazie al quale piloti ed equipaggi potranno essere addestrati sfruttando questa moderna opportunità.

Questo suggestivo progetto verrà realizzato da Ansett Aviation Training, ovvero il principale fornitore indipendente di servizi per la formazione eseguita attraverso l’impiego di simulatori di volo a livello internazionale.

Ansett Aviation Training può già vantare dei centri in Australia e Taiwan, e ora c’è grande attesa per questa nuova apertura italiana.

Il progetto verrà realizzato presso un’area aeroportuale di ben 3.000 metri quadri situata tra i due terminal aeroportuali, ed è prevista la costruzione di un edificio che ospiterà ben 4 simulatori di volo.

David Garside, CEO di Ansett Aviation Training, ha spiegato come la sua società abbia individuato in Milano Malpensa uno scalo ideale per sviluppare uno dei propri progetti.

Quest’aeroporto milanese, d’altronde, è uno dei più grandi d’Europa, e riesce a servire ogni giorno una quantità enorme di passeggeri sia per quel che riguarda i voli in arrivo che quelli in partenza.

Pietro Modiano, Presidente SEA, si è detto orgoglioso del fatto che Ansett Aviation Training abbia scelto Malpensa per sviluppare questo moderno centro, la cui costruzione saprà certamente contribuire al costante processo di crescita di cui questo scalo è protagonista.

Aerion e Lockheed Martin lavorano su un avveniristico business jet supersonico

Aerion e Lockheed Martin stanno collaborando alla progettazione di un velivolo davvero straordinario, ovvero il primo jet business in grado di raggiungere una velocità supersonica.

Lockheed Martin è una realtà molto nota a livello internazionale per il fatto di aver sviluppato dei velivoli da combattimento supersonici di straordinario successo, come a esempio il celebre F-16.

La possibilità di applicare la velocità supersonica tipica di questi aerei da guerra a degli aerei di tipo business è davvero intrigante, e velivoli come questi consentono di raggiungere le mete di destinazione in tempi estremamente brevi.

AS2, questo il nome del nuovo, avveniristico progetto targato Aerion e Lockheed Martin, consente di compiere un volo transoceanico in appena 3 ore, di conseguenza un velivolo come questo risulterebbe assai gradito agli occhi dei manager che devono compiere abitualmente dei viaggi di questo tipo e che intendono effettuarli nel minor tempo possibile.

Con aerei come questi, dunque, sarà possibile andare e tornare da Londra a New York nella medesima giornata.

L’interesse nei confronti di questi jet business supersonici sarebbe già concreto: la compagnia Flexjet, infatti, avrebbe già ufficializzato un ordine di 20 velivoli.

Il primo volo dell’aereo AS2 è previsto per il 2023, mentre la certificazione dovrebbe avvenire nel 2025.

Tecnam presenta P2012 Traveller 002, interessante aereo a 11 posti

L’azienda italiana Tecnam ha annunciato il primo volo del P2012 Traveller 002, un aereo da 11 posti equipaggiato in modo davvero notevole dal punto di vista tecnologico.

Questo piccolo velivolo infatti dispone di strumentazioni di grande avanguardia quale il GARMIN G1000 Nxi, senza trascurare gli ottimi motori, dei modelli a pistoni di tipo Lycoming da 375 hp.

P2012 Traveller 002 ha già attirato l’attenzione di una compagnia aerea regionale statunitense, Cape Air, la quale ne ha ordinati ben 100; si prevede che i velivoli che verranno messi a disposizione di Cape Air entreranno in servizio nel 2019.

La progettazione di quest’aereo è stata curata affinché il velivolo possa rivelarsi versatile e flessibile e possa essere adoperato in modo diversi: P2012 Traveller 002 può essere una soluzione ottima per i vip, quindi come aereo privato, come aereo ambulanza, come cargo, o anche come aereo anfibio.

Paolo Pascale, CEO di Tecnam, ha espresso entusiasmo per l’interesse che è stato da più parti manifestato nei confronti di quest’aereo, e ha sottolineato l’impegno dell’azienda nel voler rispettare il programma di sviluppo e certificazione.

Airbus, Rolls-Royce e Siemens collaborano per rendere realtà il volo elettrico

Airbus, Rolls-Royce e Siemens, dei brand che ricoprono un ruolo da leader indiscusso nei relativi settori, hanno avviato una partnership che potrebbe apportare delle novità molto interessanti al mondo dell’aeronautica.

Queste 3 aziende, le quali eccellono rispettivamente nell’aeronautica, nella produzione di auto di lusso e nel mondo della tecnologia, hanno scelto di collaborare al fine di sviluppare un dimostratore di volo di propulsione ibrida-elettrica.

Nello specifico, Airbus metterà a disposizione il suo know-how relativo ai comandi di volo e si occuperà dello sviluppo del sistema di propulsione ibrido, Rolls-Royce curerà i motori turbo-albero, l’elettronica di potenza e il generatore di due megawatt, Siemens invece consegnerà i motori elettrici di due megawatt, la loro centralina elettronica, l’invertitore, il convertitore e il sistema di distribuzione di potenza.

Il primo volo di questo dimostratore tecnologico è previsto per il 2020, e potrebbe rappresentare un’innovazione davvero eccezionale; inutile sottolineare che c’è già una grande attesa per questa data, trattandosi di una novità tecnologica di grandissima portata.

Paul Eremenko, Chief Technology Officer di Airbus, ha sottolineato come questo progetto potrebbe rivelarsi utilissimo per rendere concreta la nascita del volo elettrico, un obiettivo che ovviamente avrebbe dei risvolti estremamente positivi anche dal punto di vista dell’eco-sostenibilità.