aerei elettrici ecosostenibili

Si parla sempre più spesso di aerei elettrici e di quanto di positivo potrebbero garantire, soprattutto dal punto di vista dell’ecosostenibilità, e tante realtà si stanno impegnando attivamente per fare in modo che questo progresso si possa compiere in modo concreto.

Viaggiare in aereo è divenuto un qualcosa di sempre più consueto negli ultimi tempi, e tutto lascia immaginare che in futuro si farà ricorso a questo mezzo di trasporto in modo sempre più frequente.

Questo non può che essere positivo, ma implica un problema ambientale: le emissioni di gas serra causate dai voli aerei sono tutt’altro che trascurabili, e si stima che ammontino, in Europa, al 3% del totale.

Per intuire a che punto un aereo riesca a rivelarsi inquinante, è possibile specificare che un volo da Londra a New York comporta delle emissioni inquinanti analoghe a quelle che rilascerebbe un’abitazione, per via del suo riscaldamento, nell’arco di un intero anno.

Non vi è davvero dubbio, dunque, sul fatto che la nascita degli aerei elettrici possa essere un qualcosa di molto importante, che possa essere l’innovazione ideale per conciliare nel miglior modo possibile la sempre più consistente domanda di voli aerei con la necessità di rispettare l’ambiente.

Questo progetto sembra assolutamente realizzabile, e ci sono ottime possibilità che possa concretizzarsi in tempi relativamente brevi, magari dopo essere stato sviluppato e perfezionato tramite dei voli alimentati in modo ibrido.

Ad oggi le criticità tecniche su cui è necessario lavorare sono diverse, a cominciare dall’esigenza di ridurre il peso e l’ingombro delle batterie dei velivoli, soprattutto al fine di rendere maggiormente efficienti le operazioni di decollo.

A tale riguardo, un progetto molto interessante è quello su cui stanno lavorando Yet-Ming Chiang del MIT e Venkat Viswanathan della Carnegie Mellon University, il cui obiettivo è quello di proporre una batteria che riesca a fornire l’energia necessaria per movimentare un aereo dedicato a 12 passeggeri.

Non resta che attendere, dunque, per scoprire se gli sforzi compiuti a livello internazionale consentiranno di rendere il volo elettrico una realtà a disposizione di chiunque.